lunedì 2 luglio 2007

OBBIETTIVO VENDERE

Pubblico questa breve ma significante lettera perchè mi incuriosisce la risposta secca dell'ADUC che finalmente definisce i consulenti WSI per come si presentano realmente e quale sia il loro unico scopo.

Lettera del 31 Marzo 2005

Spett.le ADUC, ho stipulato il 29/03/05 un contratto per un corso di inglese presso il Wall Street Institute di Roma. Non mi ha detto che stavo firmando un contratto, ma mi diceva il venditore che era importante firmare subito per ottenere i benefici economici che la comunita' europea ha stanziato per favorire i corsi di insegnamento dell'inglese. Posso chiedere la recessione del contratto entro 7 giorni? Ringrazio sentitamente. Domenico, da Bracciano

Risposta dell'ADUC Se ha firmato il contratto nella sede del venditore non vale il diritto di ripensamento. Puo' solo chiedere di recedere dietro pagamento di una penale. Sul fatto che non le e' stato detto che stava per firmare un contratto, per prossime occasioni diffidi dei venditori, che hanno solo un obiettivo: vendere.

6 commenti:

NickWing ha detto...

ora che siamo in due ad incazzarci contro questi truffatori vestiti da insegnanti di inglese vogliamo vedere di risolvere CONCRETAMENTE qualcosa? Certo la guerra sul web non è cosa da poco, soprattutto se come il mio blog vieni indicizzato da google e ci metti poco a scalare le vette del motore di ricerca ;-)

NickWing ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Punisher ha detto...

olà nick, purtroppo in uno stato come il nostro non è certo facile muoversi contro colossi come il wsi, però ho sentito che sta per uscire una normativa europea che rivede i contratti di pagamento etc... certo non è valida per i vecchi contratti ma si vocifera che per chi dovesse fare causa potrebbe contare qualcosa in tribunale, speriamo bene, ciao carissimo!

Anonimo ha detto...

Anch'io ho da poco firmato il contratto con la WSI. Ho fatto giusto un paio di lezioni e sinceramente non mi sembravano granchè, ma avendole fatte un pò alla veloce mi son detto "vedrai che se t'impegni a qualcosa serviranno". Poi sono finito per caso su questo blog e ho capito che il mio impegno centra poco: il corso è chiaramente un'inculata.
Ora ho informato i vertici dell mio istituto dell'intenzione di recedere. Mi sembrano abbastanza disponibili a parlarne. Me lo auguro per loro, perchè se per caso dovessero incularmi per bene, userò tutte le mie conoscenze per inculare loro il più possibile. A partire dai contatti con la stampa.
Rifletteteci. Qual'è l'unica cosa che può spaventare la WSI? La cattiva pubblicità..
Ora, se uscissero sui giornali chiari richiami a un istituto d'inglese dal nome tipicamente da "alta finanza americana", e non per parlarne bene, credete che il WSI ne sarebbe felice?!
Va bene scrivere sui blog... ma il potere della stamap è più immediato. Piuttosto proponete una colletta per acquistare una mezza pagina su un quotidiano nazionale. in un centinaio di persone si ammortizza di molto la spesa...
Riflettiamoci tutti.

Anonimo ha detto...

infatti è proprio cosi, la pubblicità e l'informazione sono le cose più importante per noi, purtroppo oggi i contratti del Wsi sono veramente ambigui e ingannevoli ma ancora legali... cio' che possiamo fare per ora è solamente informare le persone a riguardo tutte le nostre esperienze con il Wsi e spingerli a non firmare per i loro corsi, di scuole e insegnanti di inglese ce ne sono tante, non scegliete il WSI!!

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e